Fed Cup: Italia vs Usa, la lotta per la salvezza

A Brindisi l’Italia affronterà gli Stati Uniti per evitare la retrocessione nel “World Group II” della Fed Cup di tennis. Assente Venus Williams, al suo posto Lauren Davis

di Caterina Caparello

Serena e Venus Williams (fonte immagine: tennisworlditalia.com)

Serena e Venus Williams (fonte immagine: tennisworlditalia.com)

Il 18 e 19 aprile il Circolo Tennis di Brindisi ospiterà la sfida di Fed Cup tra Italia e USA. L’esito della gara deciderà la permanenza nel World Group che conta, la perdente vedrà la cosiddetta “Serie B”.

Quest’incontro sarà duro: non solo le azzurre dovranno lottare contro la pressione psicologica per la vittoria, ma anche contro la numero uno al mondo Serena Williams. Sarà invece assente per per ragioni personali la sorella Venus (la giocatrice dalla n° 57 del ranking Lauren Davis). L’assenza della statunitense potrebbe cambiere le carte in tavola, soprattutto per quanto riguarda il match di doppio. La squadra statunitense, capitanata da Mary Joe Fernandez, ha comunque in Christina McHale (n° 65 del mondo) e Alison Riske (n° 45) altre due giocatrici da non sottovalutare

Barazzutti per l’Italia ha invece convocato Sara Errani (15 del ranking), Flavia Pennetta (26), Camila Giorgi (36) e Karin Knapp (55). Assente Roberta Vinci a causa di un infortunio (infiammazione alla zona epitrocleare del gomito destro).

Sarà la sfida numero 14 tra le due nazionali: la squadra americana è in vantaggio per 9-4 nel computo dei precedenti, ma le azzurre hanno vinto proprio le ultime quattro sfide (2009 Reggio Calabria, 2010 San Diego – in finale – 2013 Rimini e 2014 Cleveland – ai quarti). Fernandez&co. cercheranno la rivalsa, anche perché lo scorso anno sono state relegate in Serie B.

In ogni caso, gli Stati Uniti sono la nazione più vincente nella storia della Fed Cup: 17 trofei, di cui 7 di fila tra il 1976 ed il 1982, ma è dal 2000 che sono a bocca asciutta.

L’Italia, invece, ha conquistato tutti i suoi 4 trofei negli ultimi dieci anni (2006, 2009, 2011 e 2013): dal 2006 ad oggi le azzurre hanno anche raggiunto la finale nel 2007 e le semifinali nel 2011, nel 2012 e nel 2014. Nello stesso periodo, solo in due occasioni sono state eliminate al primo turno del World Group: a Napoli contro la Spagna nel 2008, e a Genova lo scorso febbraio contro la Francia.

Il presidente del Comitato Regionale Fit Puglia, Donato Calabrese ha presentato così la sfida tra le azzurre e gli USA: “Questa manifestazione sarà un grande successo – ha affermato – malgrado dal punto di vista sportivo, l’incontro con le americane sarà duro, considerando che di fronte a noi avremo due colossi del tennis mondiale come Serena e Venus Williams. Noi, però, credo che riusciremo a difenderci bene, mettendo in campo una buona performance. Vedremo, nel tennis tutto può accadere“.

Entrambe le squadre sono arrivate lunedì a Brindisi, gli allenamenti sono aperti a tutti e le giocatrici incontreranno i ragazzi delle varie scuole tennis dei Circoli della Puglia. L’incontro tra Italia e Stati Uniti sarà trasmesso in diretta da Raisport, sabato 18 con inizio alle 13.00 e domenica 19 con inizio alle 11.30.

LE ALTRE SFIDE – Italia e USA non saranno le uniche squadre a giocarsi i play-off. Gli altri match in programma sono Australia-Olanda, Polonia-Svizzera e Canada-Romania. Sempre il 18 e 19 aprile si disputeranno le semifinali del World Group 2015 tra Repubblica Ceca e Francia e tra Russia e Germania.

Staremo a vedere cosa avranno in serbo per noi Serena Williams e compagne, pronte a non tornare “indietro” in Serie B. Infine, scopriremo se l’Italia di Barazzutti uscirà dal suo periodo di “crisi mistica”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...