Accogliere, la vera emergenza

Il report della campagna LasciateCIEntrare racconta un’Italia incapace di accogliere, tra strutture inadeguate, concentrazioni ghettizzanti e il ritorno di “Mafia capitale”

di Angela Caporale
su Twitter @puntoevirgola_

cie-01L’accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo non è argomento da prima pagina, da dibattiti nei talk show, da breaking news. Relegata a incontri pubblici e discussioni tra addetti ai lavori, sotto ai nostri occhi si sta giocando la partita fondamentale che determinerà che Italia avremo da due, cinque, dieci anni e molti, troppi, sono ciechi non tanto per colpa, ma spesso per mancanze informative. La sua parte la fanno le strutture stesse che, in molti casi, sono edifici grandi, isolati, dove i migranti vivono ghettizzati.

Per squarciale questo velo di silenzio è nata nel 2011 per contrastare una circolare del Ministero dellInterno che vietava laccesso agli organi di stampa nei CIE (Centri di Identificazione ed Espulsione) e nei C.A.R.A. (Centri di accoglienza per richiedenti asilo). Appellandosi al diritto/dovere di esercitare lart. 21 della Costituzione, ovvero la libertà di stampa, LasciateCIEntrare ha ottenuto labrogazione della circolare e oggi si batte per la chiusura dei CIE, labolizione della detenzione amministrativa anche informale e la revisione delle politiche sullimmigrazione a partire dalla completa abrogazione della Legge Bossi Fini e di tutti gli elementi peggiorativi introdotti con i pacchetti sicurezza”.

CIE e CARA esistono ancora e accolgono migliaia di persone. Entrare nelle strutture è ancora molto complicato. Con questa finalità LasciateCIEntrare ha indetto una giornata nazionale di mobilitazione in occasione del World Refugee Day. Il 20 giugno scorso, infatti, i delegati della campagna e delle associazioni aderenti hanno visitato 40 centri distribuiti in varie regioni d’Italia, di recente è stato reso pubblico il report #20giugnolasciateCIEntrare che riassume quanto emerso dalle visite.

lasciatecientrareSecondo quanto riportato da OpenMigration, sono quasi 100mila i migranti ospitati nelle strutture italiane: 70.918, ovvero il 72%, è distribuito nei Centri di accoglienza straordinaria (Cas) creando situazioni estremamente complesse e variegate. I Cas, inoltre, vengono gestiti in maniera differente nelle varie Regioni: ci sono esperienze di “accoglienza diffusa” ed ex caserme. Di sicuro non è assicurata una parità di trattamento a chi dovrebbe avere pari diritti. Riguardo alle strutture, i delegati segnalano: “Abbiamo ‘ritrovato’ strutture, su cui avevamo già evidenziato carenze ed inefficienze negli anni precedenti, ancora in gestione agli stessi imprenditori ed operatori che operavano ed operano al limite della legalità e del rispetto dei diritti umani, alcuni dei quali già “segnalatinellinchiesta e nel processo su Mafia Capitale”.

Nel report vengono raccontate alcune situazioni particolari. Ad esempio, a Brindisi esiste sia un CIE, sia un CARA, nella stessa struttura separati da un alto muro in cemento con un ingresso pedonale. Tutto è cemento, tranne due alberelli, unica fonte d’ombra nella torrida estate pugliese. Dentro il CIE, possono essere ospitate fino a 48 persone per una permanenza media di 29,3 giorni a persona. Non manca sostegno psicologico e sanitario, al momento della visita 15 ospiti facevano uso di ansiolitici e non mancano alcune segnalazioni di casi di autolesionismo, in particolare di notte. L’area per l’isolamento sanitario è segnalata e ben curata, è stata utilizzata soltanto per i casi di scabbia. Nell’area “benessere” c’è una televisione, qualche tavolo e le sedie, di cemento perché non possano trasformarsi in un oggetto contundente. Anche i letti sono di cemento.

cie-02Gli unici avvocati con cui i migranti possono avere a che fare sono quelli indicati dalla struttura. Non esiste praticamente nessuno contatto diretto con il mondo esterno”. Nemmeno i cellulari sono permessi – perché potrebbero essere utilizzati per fare foto e riprese. Secondo quanto riportano i delegati di LasciateCIEntrare, gli ospiti non hanno la possibilità di acquistare nulla di diverso da sigarette, succhi o biscotti con il “pocket money”, regolarmente erogato.

Il quadro che emerge, fatto salvo per alcune eccezioni virtuoso, è complessivamente negativo. Ciò che colpisce è la persistenza di un approccio emergenziale alla gestione dell’accoglienza a fronte di arrivi che, numericamente, non si avvicinano nemmeno all’ “invasione” tanto cara ai populisti. Al contrario, si tratta ormai di un flusso regolarizzato e come tale andrebbe trattato. Si tratta di “una situazione che rischia un crollo imminente del sistema di accoglienza non perché connesso allarrivo di troppi richiedenti asilo, ma perché strutturato in maniera disomogenea, priva di programmazione, affidata alla buona o cattiva volontà dei Prefetti, condizionata dalla volontà di non applicare scelte politiche intelligenti.”

Cosa fare quindi? Il report di LasciateCIEntrare ha l’obiettivo di permettere a chiunque di accedere e vedere, attraverso i propri occhi, quello che accade dietro sbarre e muri proprio a casa nostra. La nostra vita, pubblica e sociale, non può prescindere dalla tutela dei diritti di tutti. La non informazione e la chiusura dei luoghi di accoglienza più delicati diventa poi una violazione di un diritto che appartiene a ciascuno in quanto cittadino. L’informazione è un primo passo per giocare la partita dell’accoglienza e del futuro con tutti gli strumenti necessari in mano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...