Virtus Roma, grinta e merito: Trapani domata 98-84

Bella vittoria della Virtus Roma, che centra il secondo successo consecutivo. Devastante John Brown con 28 punti e 13 rimbalzi

di Matteo Buccellato

© Marta Bandino | Ghigliottina

© Marta Bandino | Ghigliottina

Successo meritato per la Virtus Roma, che nell’11ª giornata del campionato di A2 Ovest supera per 98-84 la Lighthouse Trapani e sale a quota 12 punti in classifica. Un match condotto per larghi tratti da Roma, che ha visto ancora protagonista uno strepitoso Brown da 28 punti e 13 rimbalzi. Mays e Renzi hanno provato a guidare la rimonta granata, riuscita a metà del terzo quarto ma poi infrantasi contro le resistenze romane, trascinata da un ottimo Landi. Nell’ultimo quarto il distacco decisivo, con Renzi vittima di un infortunio alla caviglia e Roma ancora più libera di entrare in area e di vincere il match. Domenica si torna in campo: per la Virtus derby laziale al PalaSojourner di Rieti contro la NPC.

LA PARTITA – Raffa apre le danze ma Trapani fa subito la voce grossa, e con Viglianisi e Renzi vola sul 4-8. Qui i granata già si bloccano: Baldasso e Chessa a suon di triple spingono avanti Roma, nonostante un arbitraggio discutibile che fa esaurire il bonus falli a disposizione dei romani in meno di tre minuti. Il pareggio a quota 10 di Renzi è l’ultimo sussulto trapanese del periodo, con la Virtus che va a piazzare un parziale da 13-3 che sembra orientare il match verso la squadra di coach Fabio Corbani: trascinanti Landi ed ancora Baldasso, con Mays che segna il canestro che al 10’ fissa il punteggio sul 23-13 per Roma.

Trapani prova a rientrare in apertura di secondo quarto, e con Ganeto e Filloy torna sul -7 (30-23), ma le triple di Raffa e Chessa ridistanziano i granata; a Brown il compito di segnare il canestro del +13 (40-27). Con Mays e Scott i siciliani tentano di rimanere a contatto, mentre Roma forza eccessivamente dall’arco e paga ancora un rapido esaurimento del bonus falli. La tripla di Mays a fil di sirena manda le squadre negli spogliatoi con Roma avanti per 47-44. Una bellissima schiacciata di Benetti apre il secondo tempo ma il pareggio è dietro l’angolo e Trapani lo trova con la tripla di Ganeto (51-51), alla quale risponde lo stesso Benetti sempre dalla distanza. Le squadre procedono a braccetto ed i siciliani trovano il sorpasso con un solido Renzi (56-57), a cui segue un imbarazzante antisportivo a Chessa. Ancora Renzi per il 56-59, ma con Landi la Virtus torna avanti (65-63).

© Marta Bandino | Ghigliottina

© Marta Bandino | Ghigliottina

I canestri di Maresca e Brown chiudono il terzo quarto sul 69-66 per Roma, con Renzi che registra un infortunio alla caviglia sinistra. Landi dall’arco apre l’ultima frazione di gioco, ma Scott risponde sempre dal perimetro e Filloy porta Trapani sul -2 (76-74). Il quarto ed inesistente fallo fischiato a Sandri infiamma il pubblico del Palazzetto dello Sport, ma Mays porta i siciliani sul -1 (78-77). Ma il match prende definitivamente la via dei padroni di casa: Renzi è a mezzo servizio, coach Ducarello riceve un tecnico e Roma è libera di prendere il largo. Con Maresca, Chessa e Brown la Virtus vola sul 92-77 ed ipoteca il match, chiuso da una tripla di Scott. I capitolini vincono con merito per 98-84.

IL COMMENTO – Seconda vittoria consecutiva per Roma, che sembra aver smaltito la scia delle cinque sconfitte in sei partite e dà seguito al pirotecnico successo in casa di Treviglio. Un sontuoso Brown da 28 punti, 13 rimbalzi e 6 assist è patrimonio prezioso per questa Virtus, guidata dal suo rookie che domina in area con 12/18 da due. Se altre volte il pacchetto lunghi romano ha deluso, quest’oggi ha brillato: 9 punti e tanta aggressività ed agonismo per Benetti, doppia doppia da urlo (14 punti e 15 rimbalzi) per un Landi incontenibile e finalmente positivo anche nel gioco ‘spalle a canestro’.

E la Virtus ha difatti dominato sotto la voce rimbalzi: il 49-29 finale non lascia spazio ad analisi critiche. Positivo l’ingresso in campo di Baldasso, costante il rendimento di Chessa, un pò sprecone Raffa che comunque colleziona 15 punti. Prosegue la crescita di Roma, che riprende il suo cammino ed ora farà visita a Rieti. Desta ancora perplessità la prova arbitra odierna, caratterizzata da tanti fischi al limite della decenza che hanno fortemente penalizzato la Virtus, che comunque è stata più forte anche di questo ed ha vinto con grinta e con merito.

VIRTUS ROMA-TRAPANI 98-84 (23-13; 47-44; 69-66)
VIRTUS ROMA: Brown 28, Raffa 15, Benetti 9, Piccolo, Maresca 7, Chessa 13, Sandri 6, Baldasso 6, Landi 14, Vedovato. All.: Corbani.
TRAPANI: Mays 26, Costadura, Renzi 19, Tommasini ne, Simic ne, Amato ne, Nicosia ne, Ganeto 13, Viglianisi 4, Filloy 6, Scott 16. All: Ducarello.

Annunci

2 risposte a “Virtus Roma, grinta e merito: Trapani domata 98-84

  1. Pingback: Virtus Roma, l’analisi sulla stagione in attesa di Siena |·

  2. Pingback: Virtus Roma, prima analisi stagionale in attesa di Siena |·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...